Crociati

STORIA CROCIATA – PERUGIA, I PAREGGI EPICI AL SANTA GIULIANA E LE VITTORIE PER L’EUROPA

Parma, 15 Settembre 2017C’è un’immagine storica bellissima, quasi epica, del Parma Calcio impegnato a Perugia, dove la nostra squadra tornerà a giocare sabato 16 settembre per la quarta giornata della Serie B 2017/2018 tredici anni dopo l’ultima volta (2-2 in Serie A, con i gol tra il 35′ e il 38′ di Alberto Gilardino e Domenico Morfeo, il 1 febbraio 2004).

La foto in bianco e nero inquadra l’animo dei Crociati. Identificato nelle figure del portiere Luciano Bertoni, del difensore Giuliano Andreuzza e del centrocampista Damiano Morra. Era il 27 aprile 1975. Quando, due mesi prima di retrocedere in Serie C, in piena lotta salvezza, i nostri ragazzi strapparono uno 0-0 ai padroni di casa lanciati verso la loro prima promozione nella categoria maggiore. Era una delle ultime partite disputate sul vecchio campo perugino di Santa Giuliana.

Sono due dei quattro pareggi conseguiti nel capoluogo umbro. Gli altri sono stati un paio di 1-1: alla prima occasione, il 3 febbraio 1974 nel torneo cadetto, con rete del vantaggio di Giorgio Repetto; nella gara d’apertura della A edizione 1999/2000, il 29 agosto 1999, con centro di Mario Stanic a recuperare l’esito dell’incontro.

via GIPHY

A Perugia si sono poi perpetrate quattro amare sconfitte e due sole vittorie, entrambe con il risultato di 1-2. Da ricordare, perché tasselli di due percorsi verso l’Europa.

Il 9 marzo 1997 la formazione di mister Carlo Ancelotti, che conquistò il secondo posto alle spalle della Juventus accedendo ai preliminari di Champions League, dopo aver subito l’iniziale allungo del Grifone con Roberto Goretti (11′), si elevò con le reti di Hernan Crespo (12′) e di Massimo Crippa (17′).

Il 23 febbraio 2003 il Parma allenato da Claudio Cesare Prandelli, che si piazzò sul quinto gradino della classifica qualificandosi per partecipare alla Coppa Uefa, avanti con Adriano (30′) fu raggiunto da un gol di Fabio Grosso (51′) e si impose con una zampata vincente di Matteo Ferrari (72′).